Stampa Olografica: che cos’è e come funziona?

 
Una stampa olografica è una rappresentazione bidimensionale, che produce un effetto tridimensionale quando viene colpita dalla luce. Una soluzione creativa che spinge i designer ad esplorare nuove strade nella decorazione degli imballaggi per dare ai loro prodotti un aspetto unico.
 
 
Oggi vogliamo guidarti attraverso un viaggio stimolante nel futuro della decorazione del packaging. Questa tecnica di stampa “arcobaleno” originale e accattivante crea un effetto un po’ futuristico e rappresenta un’occasione per catturare lo spirito del tempo ed essere al passo con i trend del momento.
 
La stampa olografica offre infinite possibilità decorative, in quanto rappresenta un effetto nuovo ed originale, in grado di richiamare l’attenzione. Si tratta di una nobilitazione particolare che viene impiegata per diversi scopi, come per dare risalto e preziosità ad alcuni elementi di un design tra cui anche l’anti-contraffazione, in quanto permette di produrre un contenuto inimitabile. Basta pensare alle carte di credito o ai passaporti per esempio, che proprio per questo motivo riportano solitamente piccole stampe olografiche, che si rivela funzionali in queste applicazioni perché non possono essere duplicate o imitate, o almeno non facilmente.
 
 

Che cos’è la stampa olografica?

In ambito tipografico, la stampa olografica è eseguita a caldo e si ottiene mediante l’utilizzo di lamine particolari. Quella olografica infatti è una lamina a tutti gli effetti, che viene applicata caldo sul materiale in questione, che può essere carta o cartone, piuttosto che plastica. 
 
Quelle più tradizionali partono da una base di colore argento, ma su richiesta si possono ottenere anche altre finiture come l’oro ed il trasparente. Possono essere inoltre personalizzate entro certi limiti in base alle proprie esigenze; ovviamente ciò richiederà un costo maggiore.
 

Come viene realizzata la stampa olografica?

La lamina olografica è realizzata allo stesso modo delle lamine metalliche, ma include un motivo in rilievo che diffrange la luce e mostra i colori dello spettro a diverse angolazioni. Viene realizzata attraverso una tecnica particolare che prevede l’impressione del foil tramite l’utilizzo di un laser. Grazie al principio dell’interferenza ottica, queste immagini sono in grado di dare un’illusione di tridimensionalità, nonostante la loro bidimensionalità..
 
 

Come utilizzare la stampa olografica?

È la soluzione ideale per la decorazione del packaging in particolare modo nell’ambito cosmetico, sia per quanto riguarda la cartotecnica, sia per le etichette. La lamina olografica aggiunge un livello di esclusività e qualità all’imballaggio e con esso al prodotto, oltre che aumentare la consapevolezza del marchio. La sua estetica accattivante, inoltre, invita l’osservatore ad avvicinarsi e toccare il packaging, soprattutto quando la lamina riporta un effetto tattile. 
 
 

LIGHT LINE® Kurz

Per questo tipo di lavorazioni noi di Labelado ci affidiamo a Luxoro Kurz, un’azienda leader del settore per qualità, innovazione, e quantità di nobilitazioni. Kurz sviluppa e produce diverse lamine decorative e funzionali utilizzabili per una vasta gamma di prodotti. Tra le lamine disponibili, l’’azienda offre anche un’ampia varietà di effetti olografici che vengono sviluppati attraverso differenti tecnologie.
 
Nel suo pacchetto di lamine olografiche LIGHT LINE® la Kurz propone ben 8 tipologie di foil con motivi e sfaccettature diversi. Grazie alla loro struttura ottica diffrattiva, queste lamine rappresentano una valida alternativa originale e di tendenza alla linea di prodotti più tradizionale.
 
 
 
 
 

Se sei interessato a questa lavorazione e ti piacerebbe avere ulteriori informazioni a riguardo non esitare a contattarci, il nostro team sarà lieto di aiutarti! Ci piacciono le nuove sfide e i nuovi progetti, raccontaci il tuo!
Successivo