Packaging con stile che non rinunciano alla sostenibilità

La sostenibilità è ormai diventata una priorità per tutti, brand e consumatori e i trend più forti nel settore del packaging ruotano tutti attorno ad un'economia circolare. Per un brand è importante avere un buon packaging dall’aspetto premium e di qualità, ma lo è anche avere un approccio credibile alla sostenibilità e per noi del settore della stampa è un dovere supportarti in questo.
 
 
Il mondo del packaging e del design si scontrano spesso con l'idea sbagliata che per essere rispettosi dell'ambiente nell'imballaggio e nella stampa, sia necessario rinunciare alle finiture speciali, ma non è così.
 
Capita spesso che la qualità e la preziosità del packaging vengano associate a quelle del prodotto contenuto al suo interno. Per questo, è fondamentale avere un imballaggio dall’aspetto premium in grado di far risaltare il tuo prodotto sul mercato e le tecniche di finitura speciali, come la lamina a caldo sono lo strumento giusto. Vista però l’importanza di concetti come sostenibilità e impatto ambientale, per farlo non devi essere costretto rinunciare alla riciclabilità dei tuoi prodotti, in modo da poter mantenere un approccio credibile.
 
Dunque, per sanare tutti i tuoi dubbi, abbiamo pensato di sfatare alcuni miti riguardo la riciclabilità delle lamine a caldo per dimostrarti che si può avere uno sguardo sostenibile pur utilizzando finiture speciali.
 

La lamina a caldo

Se non sei un appasionato di stampa come noi, ti speghiamo meglio di che cosa si tratta. Con lamina a caldo si intende una sottile pellicola di lamina metallica che viene impressa su un di un materiale grazie ad un punzone, mediante calore e pressione. La stampa a caldo è una delle finiture speciali più utilizzate in diversi ambiti del packaging, quello cosmetico, alimentare, del vino e dei liquori, dalla cartotecnica alle etichette, ed è un ottimo modo per catturare l’attenzione del tuo pubblico.
L’utilizzo della lamina a caldo offre diverse soluzioni di design, alcune molto creative, che ti permetteranno di rendere visibile il tuo packaging, e quindi il tuo prodotto, sugli scaffali. 
 

I vantaggi sostenibili

Ci sono falsi preconcetti secondo cui gli imballaggi con foil non siano riciclabili e quindi poco sostenibili. La verità è che è del tutto possibile creare un design mozzafiato per mettere in risalto il proprio brand e prodotto senza avere un impatto negativo sull'ambiente. Molti incorrono in questo errore perché pensano che la pellicola venga trasferita sul substrato durante la stampa a caldo creando così un composito (laminato) difficile da riciclare. Ma non è la realtà. Sebbene venga utilizzata una pellicola, essa funge solo da supporto intermedio per il prodotto di finitura. La finitura vera e propria è uno strato ultrasottile, che viene trasferito al materiale da rifinire mediante calore e pressione (durante la procedura di stampa) e quindi separato dal suo supporto di partenza.
 
Inoltre, a conferma di ciò, vi è uno studio della Foil & Specialty Effects Association che ha convalidato la riciclabilità dei prodotti di carta decorati con finiture speciali quali la lamina a caldo. 
 

Le Lamine Kurz Luxor®/Alufin®

Per questo tipo di finiture speciali noi di Labelado ci affidiamo alla qualità di Luxoro Kurz, un’azienda leader del settore. Kurz sviluppa e produce un vasto tipo di lamine decorative e funzionali, le quali permettono di ottenere risultati visivi eccellenti e soddisfano il bisogno di riciclabilità. 
 
Si tratta di lamine estremamente sottili in alluminio e lacca su un substrato, il quale viene completamente rimosso durante la fase di trasferimento/stampa. La tecnologia di trasferimento Kurz non lascia parti in plastica (PET) sul prodotto e non utilizza laminati. Le loro decorazioni sono finiture transfer pure e ciò significa che rimane solo lo strato decorativo sul prodotto finale; nessuna  pellicola, nessun laminato. 
Lo strato decorativo è davvero minimo, è appena 0,02 μm di spessore, e non ha alcun impatto sul compostaggio, pertanto si può considerare anche biodegradabile.
 
Le decorazioni in lamina possono essere separate al 100% dalle fibre di cellulosa nel processo di riciclaggio grazie alla disinchiostrazione. Ciò significa che anche le finiture speciali come la lamine a caldo, oltre agli inchiostri, possono essere sciolte in modo da poter produrre nuova carta dalle fibre pulite. Altro vantaggio, il residuo ottenuta durante la disinchiostrazione può essere utilizzato termicamente per generare elettricità ed elaborare calore (vapore) nelle cartiere.
 
 

Possiamo quindi affermare con piacere che la lamina a caldo PUÒ essere riciclatae pertanto anche i packaging su cui è stata applicata, a patto che lo sia anche il suo supporto. Non è vero che scegliere di utilizzare finiture speciali rappresenta una scelta poco rispettosa dell'ambiente. 
 
Se sei interessato a questa lavorazione e ti piacerebbe avere ulteriori informazioni a riguardo non esitare a contattarci, il team Labelado sarà lieto di aiutarti! Ci piacciono i nuovi progetti, raccontaci il tuo!
 
Successivo